Le cronache di Gaia

Cronache di Gaia.

Un luogo di viaggio e di passaggio, benvenuti!

Italia: terra d'amori, arte e sapori

Italia: terra d'amori, arte e sapori
EWWA

giovedì 29 settembre 2011

La malattia dell'Occidente. Perché il lavoro non vale più






di Marco Panara
La malattia dell'Occidente
Perché il lavoro non vale più
20115, collana i Robinson / Letture, pp.158, 16,00 Euro




La quarta


Se il lavoro vale meno economicamente e come collante sociale, anche la sinistra politica e le rappresentanze sindacali hanno le loro responsabilità e insieme, forse, l'onere della ricostruzione. Tornare a riconoscere il valore sociale del lavoro è la prima missione di una classe politica che sappia davvero interpretare la novità del XXI secolo, e ricostruirne il valore economico è il progetto più moderno del quale possa dotarsi.


L'autore


Marco Panara*, giornalista de "la Repubblica", si è occupato di finanza presso la sede di Milano, è stato corrispondente per l'Estremo Oriente con base a Tokyo, responsabile del settore economico e attualmente cura il supplemento "Affari & Finanza". Insegna alla Facoltà di Scienze politiche dell'Università Orientale di Napoli. Ha scritto un libro sulle piccole e medie imprese in Italia.





Sto leggendo un libro, un saggio di economia, di storia della nostra economia che consiglio a tutti.
Scritto molto bene in maniera chiara e per nulla noiosa.
Per darvi il giusto metro vi dirò solo che erano anni che non prendevo la matita e sottolineavo delle frasi. (Odio rovinare i libri, anche solo con la matita, lo so, sono malata...)
Tornando a questo libro,  copio la bella idea di Tanabrus (spero mi perdonerà) e vi lascio l'incipit dell'introduzione:

"L'Occidente è malato. L'infezione è antica di almeno vent'anni, forse venticinque, ed è di quelle silenziose, che conquistano lentamente ma progressivamente un pezzo di corpo dopo l'altro senza che quel corpo se ne accorga. Quello che sta accadendo in Occidente da un quarto di secolo a questa parte è che il valore del lavoro diminuisce costantemente."

A presto per il commento finale!



*Persona gentilissima, uomo dalla voce affascinate e un vero signore (n.d.D. ossia nota della Daisy ^^)

4 commenti:

  1. Pensavo di prenderlo... mi sa che mi hai convinta! Lisa

    RispondiElimina
  2. Leggilo così poi ci confrontiamo: filosoficamente parlando^^

    RispondiElimina
  3. Passo per un salutone Claudia! :)

    RispondiElimina
  4. Ci sono, ci sono, grazie Chagall della visita^^

    RispondiElimina

Dite la vostra! Mi fa piacere conoscere la vostra opinione