Le cronache di Gaia

Cronache di Gaia.

Un luogo di viaggio e di passaggio, benvenuti!

Italia: terra d'amori, arte e sapori

Italia: terra d'amori, arte e sapori
EWWA

mercoledì 6 ottobre 2010

scegliere?

Dopo avere affittato due enormi monolocali nel blog del carissimo Voce del Silenzio, Le mele del silenzio, http://lemeledelsilenzio.blogspot.com/"> mi sono messa a riflettere.
Cosa prendiamo e cosa lasciamo indietro?
Dicevo che un bel momento ci si rende conto che non si può fare tutto, non si può leggere tutto, e bisogna scegliere. Che cosa ci fa propendere per una scelta al posto di un’altra?
La nostra cultura, il nostro vissuto, lo stato emotivo che viviamo in un dato momento?
Forse.
Altrimenti non si spiegherebbe la famosa shopping terapia che ogni ragazza conosce, per la quale niente come un paio di scarpe rosse risolleva il morale!
O nel caso dei libri dipendenti, quale splendida sensazione quella di portare a casa un nuovo libro e riporlo in buon ordine nella libreria. Per non parlare dell’immensa soddisfazione di appendere alla parete un quadro amato, desiderato e sudato.
Dicevo da Voce, viene un momento in cui si sceglie, ma cosa si sceglie?
Quello che siamo o quello che non siamo?
Quello che vorremmo essere o quello siamo stati?
Ok, non mi capisco più nemmeno io, scusate le mie elucubrazioni mentali, oggi va così…

4 commenti:

  1. Beh, io mi complimento con te e gli altri 2 miei lettori: da Melissa P. siete riusciti a estrapolare dei discorsi interessantissimi.

    Già, cosa si sceglie?
    Se io dovessi proprio fare una scelta sceglierei quello che non sono ancora... anzi, quello che non conosco ancora. Sto ovviamente parlando di libri. Perché mi viene naturale andare verso lo sconosciuto.
    Se devo comrpare un solo libro, protendo verso quello di un autore che ancora non ho letto...

    RispondiElimina
  2. Quello che non conosci? Forse anche io, ma non tutto, ci sono argomenti di cui non ho curiosità. Adesso espongo il fianco a critiche giustissime, ma alcune parti del sapere umano non mi entusiasmano e le evito senza rimorso. Più o meno come faccio con i documentari su ragni, locuste e altri amabili esseri che popolano la Terra^^

    RispondiElimina
  3. No, beh, anche per me ci sono alcuni argomenti intoccabili. Ma al di là di quelli cerco il più possibile di trovare cose nuove e, nel caso rimanga su di un terreno famigliare, tendo a prendere autori che non ho ancora affrontato.

    RispondiElimina
  4. Mi pare proprio una buona scelta! Pensandoci bene, credo di fare la stessa cosa ^^

    RispondiElimina

Dite la vostra! Mi fa piacere conoscere la vostra opinione