Le cronache di Gaia

Cronache di Gaia.

Un luogo di viaggio e di passaggio, benvenuti!

Italia: terra d'amori, arte e sapori

Italia: terra d'amori, arte e sapori
EWWA

domenica 17 febbraio 2013

Ricomincio da Irène

Ciao a tutti!

La sentite la primavera?
È lì, nascosta, come un attore dietro il sipario che attende la battuta per entrare in scena. Sarà un ingresso timido ma deciso e, alla fine, non smetteremo più di battere le mani.

Passato il carnevale, passato il meteorite, passato San Remo, ritorno con un classico.

Calvino diceva che i classici sono i libri che non finiscono mai di dire quello che hanno da dire, in questa prospettiva "La preda" è di sicuro un classico.

Sì, perché, mi spiace, hanno poco da arricciare il naso i puristi, Irène Némirovsky è una scrittrice che passerà alla storia. Ha superato la negatio memoriae di Auschwitz grazie alla forza delle passioni che ha saputo narrare e, ora che i diritti d'autore sono di tutta l'umanità, è doveroso riappropriarsi delle sue storie.



La preda

La trama:

"La mia anima, come una nave nella burrasca, è trascinata verso ignoti abissi": quando Jean-Luc Daguerne scoprirà dentro di sé "quel desiderio di tenerezza, quel disperato bisogno di amore" che ha sempre negato e represso, saprà anche che non riuscirà mai a soddisfarli. Lui, che per tutta la vita non ha sognato altro se non di "afferrare il mondo a piene mani", soprattutto quello vicino al potere, e che per riuscirci ha messo incinta la figlia di un ricco banchiere, costringendo così il padre a dargliela in moglie; lui, che ha accettato di essere umiliato, di mentire, di adulare, di fare il doppio gioco, che ha inaridito il proprio cuore perché potesse affrontare senza fremere "un mondo di imbroglioni e di sgualdrine": ebbene, proprio lui si troverà di fronte all'impossibilità di farsi amare dall'unica creatura che abbia amato in vita sua, dall'unica donna nelle cui braccia abbia sentito riemergere in sé, fino a soffocarne, la sua fragilità di bambino. Allora non gli importerà più niente della sua carriera politica, né del successo tanto rabbiosamente cercato. E si chiederà che senso abbia avuto tutto quel lottare ansimante per sottrarsi a un destino di miseria, per intrufolarsi negli ambienti giusti, per avere in mano le carte vincenti. Alla fine, il patto faustiano si rivela una beffa, e il successo che, "da lontano, ha la bellezza del sogno, allorché si trasferisce su un piano di realtà appare sordido e meschino".



Il mio commento:

Irène Némirovsky in questo romanzo ci regala un personaggio indimenticabile: JeanLuc Daguerne. Per questo giovane uomo proveremo una gamma di sentimenti contrastanti, dall’affetto al disprezzo, dalla vicinanza alla pietà.
Come non riconoscersi, in questi tempi, nella voglia di riscatto di questo giovane laureato che sgomita per trovare un posto nella società parigina, post crisi del ’29?
Come non condividere la sua determinazione mentre cerca di farla pagare alla sua fidanzata che ha preferito un ricco rampollo rispetto al suo amore e alla sua devozione?
Si rabbrividisce mentre quest’anima pervasa di entusiasmo, si trasforma in un gelido calcolatore capace di mettere a repentaglio la vita della moglie e del figlio, pur di avere successo.
La caducità dei successi umani, ma anche degli affetti, l’incomprensione assoluta tra generazioni, tra classi sociali. Lo sguardo spietato e veritiero di Irène Némirovsky è come un faro che illumina la notte delle miserie umane mostrandone ogni sfaccettatura.
L’immagine del gruppo di uomini maturi che appartengono alla stessa razza e impediscono qualsiasi ingresso o modifica del sistema, a chi non appartiene alla loro cerchia, ci appare in una lucida constatazione dello stato delle cose.
La passione, le passioni sono ancora una volta i personaggi principali della sua storia e il contesto, di incredibile attualità, coinvolge fino in fondo il lettore.
L’impossibilità di amare e di smettere di amare conducono al finale, inevitabile, che ci mostra ancora una volta, come sia misurata e onesta l’autrice nei confronti del lettore, senza false speranze e senza buonismi fuori luogo, la tragedia ci aspetta all’orizzonte.

3 commenti:

  1. Ciao Claudia, sto leggendo in catena di lettura il tuo Esedion, è bellissimo complimenti! Mi sta tenendo incollata alle pagine :-))
    Ma c'è un seguito?
    Ti lascio il mio commento qui sul post di Irene perché è una grandissima scrittrice, sto leggendo pian piano tutti i suoi libri. "La preda" mi ha stupito perché, anche se ambientato negli anni Trenta, le dinamiche psicologiche e sociali sono descritte con estrema lucidità, come accadessero oggi.
    Buon proseguimento con la tua scrittura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisabetta! Mi fa piacere che la lettura proceda spedita :)
      Sì il seguito c'è e attende solo una prossima pubblicazione.
      Capisco perfettamente quello che intendi "La preda" è di un'attualità sconvolgente. Fai bene a leggerla, lo merita sul serio! Tra l'altro dal 2013 sono decaduti i diritti d'autore acquisiti da Adelphi e la Newton Compton sta ripubblicando le sue opere a prezzi decisamente più economici. Se leggi ebook, troverai le loro edizioni a 1,99 euro. Certo non mi esprimo sulla traduzione perché io non conosco il francese e li ho letti tutti su edizioni Adelphi parecchio care in effetti *_^
      Ciao e grazie per la visita!

      Elimina
    2. Oh che bello, attendo il sequel allora, e non solo io! Anche i tuoi fan!
      Non sapevo che fossero decaduti i diritti d'autore, peccato per Adelphi ma è vero che i suoi prezzi erano elevati.
      Un caro saluto!

      Elimina

Dite la vostra! Mi fa piacere conoscere la vostra opinione